Rinoplastica

La rinoplastica, la settoplastica e la rinosettoplastica sono interventi di chirurgia plastica ed estetica che permettono di aumentare, diminuire o modificare la forma e le dimensioni del naso e di correggere le deviazioni del setto nasale che provocano difficoltà respiratorie.

Questa tipologia di interventi serve per migliorare e correggere l’aspetto del naso e della respirazione.

Occorre naturalmente non alterare la fisionomia del viso, rispettandone le proporzioni e mantenendo l’espressività.

La mia tecnica innovativa: minimamente traumatica

Nel corso degli anni si sono sviluppate tecniche che permettono di ridurre molti degli inconvenienti post operatori, come ad esempio quella che io pratico, una tecnica innovativa e alternativa, cioè l’incisione paramarginale come unica via di accesso.

In realtà, avendo sufficiente dimestichezza con l’anatomia, da questa unica via è possibile accedere a tutte le strutture nasali desiderate, apportando qualunque tipo di correzione, nessuna esclusa.

Ciò permette di effettuare una rinoplastica senza traumatismi: la sutura finale è molto più semplice, veloce e agevole e tutti i fenomeni post-traumatici tipici o sono assenti o ridotti ai minimi termini.

Il paziente può tornare a mostrarsi in pubblico ed essere orgoglioso del risultato ottenuto.

Rinoplastica: conseguenze post operatorie

La rinoplastica ha un impatto psicologico molto forte in quanto elimina un inestetismo difficile da nascondere. Le conseguenze post operatorie sono le preoccupazioni più grandi dei pazienti: ecchimosi, gonfiori vistosi, tamponamento nasale.

Però il concetto moderno di rinoplastica si discosta nettamente dall’intervento di chirurgia estetica eseguito secondo i canoni tradizionali che prevedevano una riduzione globale, spesso eccessiva, della struttura portante, le classiche incisioni di Goldman o la tecnica della rinoplastica cosiddetta aperta, molto usata soprattutto da chi ha poca esperienza di anatomia nasale che permette un’unica incisione intercartilaginea, ma non paramarginale lasciando immutato il rischio di lesione della valvola nasale.

Oggi lo stato dell’arte della rinoplastica si basa anzitutto sul rispetto dell’integrità funzionale dell’organo (ottimizzazione della respirazione nasale) contestualmente al miglioramento estetico, senza eccessivi traumi per il paziente che si affida alla nostra equipe.